“Buon compleanno Famiglia Ghedina”

 

  

Zinchezento Ane 1513 - 2013  

con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo

 

            Per lunga e pacifica tradizione si conviene che sia il 20 marzo 1513 la data in cui venne assegnato lo stemma alla “Rispettabile Famiglia Ghedina”. La famiglia, “di stirpe italica” e di ceppo ladino, è ben più antica, ma da almeno 500 anni lo stemma “di nero, ad una testa di gallo d’oro, crestato e bargigliato di rosso” è stato usato nei secoli dai membri della famiglia stessa.
 
            Per celebrare questo evento straordinario e irripetibile, ma soprattutto per trovarci o ritrovarci, per conoscerci e riconoscerci, per far festa insieme, per incontrare e conoscere la nostra città di origine, conoscere le nostre tradizioni e ricordare i nostri progenitori, abbiamo pensato ad un grande raduno di tutti i Ghedina sparsi per l’Italia e per il mondo, il giorno sabato 23 marzo 2013 a Cortina d’Ampezzo. 
 
            Desideriamo contattare tutta la stirpe dei Ghedina, compresi coloro che non portano il nome Ghedina, ma che dai Ghedina, discendono, una famiglia che tanto lustro ha dato a Cortina D’Ampezzo. Molti sono – infatti - i Ghedina che si sono distinti in varie arti e professioni e che hanno onorato il loro nome in Italia e all’estero.
Vogliamo, per citare solo alcuni nomi, ricordare Gaetano Ghedina (1804-1877) un pioniere dell’ospitalità ampezzana, proprietario di uno dei primi e più importanti alberghi di Cortina, l’Aquila Nera, e i suoi figli, frescanti e pittori Giuseppe e Luigi Ghedina, il loro fratello Angelo (1828-1915) Cassier e Segretario Comunale (tutti e tre erano garibaldini), il pittore Oreste Ghedina, che ha trasmesso al figlio Tiziano la tradizione di famiglia, il pittore Gino Ghedina (Venezia, 1894 - 1955). Saranno presentate anche le sculture, i dipinti e le opere in carta di Minu Ghedina, un’artista di Innsbruck molto apprezzata. I Ghedina, infatti, hanno sempre espresso talenti artistici, tanto che ne è nata una leggenda popolare: La pittrice del Monte Faloria, raccolta e trascritta da quel grande scrittore che fu Carlo Felice Wolff, nel libro: I Monti Pallidi. 
 
            Già dai primi del Novecento, Giacinto ed il figlio Giuseppe si sono distinti nella fotografia, tanto che gli splendidi paesaggi delle Dolomiti, devono la loro fama mondiale anche a Foto Ghedina. Giuseppe Ghedina, onora la tradizione di famiglia.
 
            Saranno presentati i libri scritti dalla giornalista Annamaria Ghedina, vice-direttrice de “Lo Strillo”, un periodico di spettacolo, attualità e turismo di Napoli, che è nipote di Orazio Ghedina, Cassier, figlia di Rodolfo undicesimo figlio di Orazio.
 
            Vogliamo valorizzare e far conoscere, in particolare, i Ghedina che si sono distinti nell’alpinismo e nello sport:  Giuseppe Ghedina Tomasc (1842-1883), una tra le prime guide alpine; il rocciatore Luigi Ghedina Bibi, fondatore degli Scoiattoli di Cortina; Giorgio e Guerrino Ghedina campioni di bob; Bruno nazionale di hockey su ghiaccio; Guido che si è distinto nello slalom, e ultimo ma non ultimo, Kristian Ghedina, il grande discesista, un atleta generoso e coraggioso che ha affrontato la discesa libera ai massimi livelli mondiali, ha vinto numerose medaglie e ha tenuto alto il prestigio dello sci italiano e il buon nome della sua Cortina nel campo degli sport invernali.
 
            Il costo di partecipazione all’evento, comprensivo del pranzo è di € 35,00. Entro il 31 gennaio 2013 è necessario prenotare e versare un anticipo di € 15,00 sul conto corrente IBAN …IT 69J0851161070000000026354 ZINCHEZENTO ANE FAMIGLIA GHEDINA 1513.2013 Il saldo si paga il giorno del pranzo. E’ previsto un biglietto agevolato per l’ingresso al Museo delle Regole. Le visite guidate sono gratuite. Sarà istituito un pulmino-taxi per il Lago Ghedina e il Passo Falzarego, il Passo Tre Croci e il Lago di Misurina, ecc. a prezzo agevolato.
 
            Per prenotazioni per la partecipazione al pranzo: Paolo Ghedina. Tel. 0039 0423 1907362, mob. 0039 349 5968332   paolo_ghedina@libero.it o anche paolo.ghedina@gmail.com.
www.paologhedina.it

  Per chi viene da lontano è previsto un pacchetto speciale con diverse soluzioni. Mezza Pensione tre stelle Weekend a Cortina dal venerdì 22 alla domenica 24 marzo 2013, (venerdì: cena e pernottamento, sabato: prima colazione, cena e pernottamento, domenica: prima colazione) al prezzo speciale totale di € 150,00. per persona: HOTEL AQUILA Piazza Pittori fratelli Ghedina, 1, e NORD HOTEL, Via La Vera, 10. Solo pernottamento e prima colazione B&B tre stelle da venerdì a domenica mattina, € 120,00 a persona camera doppia: HOTEL IMPERO, Via Cesare Battisti, 66.  

 

 

 

PROGRAMMA Provvisorio 

sabato 23 marzo

  Ore 10,00 - Santa Messa Solenne alla Madonna della Difesa con la partecipazione straordinaria della mezzosoprano internazionale Larissa Demidova. Visita alle sepolture dei Ghedina nell’attiguo cimitero. La Banda musicale di Cortina accompagna i convenuti.

Ore 11,00 - Ricevimento in Municipio con il saluto del Sindaco.

  
 Ore 12,00 Presentazione dei più recenti studi e delle nuove pubblicazioni sulla famiglia Ghedina.  

Ore 13,00 Pranzo in un rinomato ristorante che presenterà assaggi della cucina tipica ampezzana (antipasti di verdure pastellate, casunziei, spezzatino di capriolo con polenta, patate all’ampezzana, speck, formaggi della conca, pregiati vini della Cantina  Vigna Dogarina).E’ previsto uno “spazio” dedicato ai bambini, con menù appropriato e con momenti di intrattenimento.

Dalle ore 15,00 alle ore 18,30 visita alle mostre: 

Mostra d’arte “GHEDINA, cinque generazioni di pittori 1850 – 2013,

I Ghedina e la fotografia, mostra di fotografie e cartoline storiche dei fotografi Ghedina, dall’Ottocento ad oggi. 

Mostra degli Alberi Genealogici dei Ghedina. 

I Ghedina e gli sport della montagna, mostra che presenta le eccellenze alpinistiche e sportive dei Ghedina (guide alpine, scoiattoli, bobbisti, sciatori, campioni di hockey su ghiaccio, pattinaggio, ecc.) 

Visita al Lago Ghedina, visita ai Musei delle Regole e agli altri luoghi che conservano opere d’arte dei Fratelli Giuseppe e Luigi Ghedina: Chiesa Parrocchiale di San Giacomo, Ciasa de i Pupe, Hotel Aquila, Chiesa di Cadin, Alverà, , a cura del prof. Paolo Giacomel. 

Ore 18,30 Rappresentazione teatrale “La pittrice del Monte Faloria” tratta dalla fiaba di Carlo Felice Wolff.

Domenica 24 marzo mattina

Sarà possibile fare una sciata con Kristian Ghedina sulla pista Olimpia dove ha ottenuto il suo primo successo in Coppa del Mondo. Verrà ripetuto il programma del sabato pomeriggio, naturalmente formeremo dei gruppi di persone interessate a questa parte del programma, un gruppo visiterà il lago, altri gruppi andranno al museo, in chiesa e viceversa.

   Le mostre d’arte, di fotografia e di cimeli sportivi saranno aperte anche per il periodo pasquale da sabato 16 marzo a lunedì 1 aprile, lunedì dell’Angelo. 

 

 

   

 

Il Comitato Promotore

   

 

1.    Ghedina Kristian
2.    Ghedina Cinzia
3.    Ghedina Alberto
4.    Ghedina Paolo
5.    Ghedina Giorgio
6.    Zardini Elsa

 

Ci siamo costituiti in Comitato Promotore il giorno 29 maggio 2012 davanti al dottor Agostino Battaglia, Segretario Comunale di Cortina d’Ampezzo.

 

 Dicono di noi

 

 

  

 

Zinchezento ane de ‘l jal de i Ghedina
 
Dute a ‘l laoro, par parecià ra festa de ra familia Ghedina, co i so rame, de chel gran brascion de chera pianta de chel scianel


I s’à tolésc duto el tenpo che ocore, par parecià polito ra festa de i Ghedina, che i pensa de fei de marzo de ‘l 2013: i é moeste un an ignante.

I dis pasade, vendres ai 25 de maso, i s’à ciatà, e i à curà fora un posto de un de lore : ra pizeria Passetto, de Giorgio Broco. Coscita i à betù aduna el comitato “Buon compleanno Famiglia Ghedina” 1513 – 2013 Zinchezento ane”. Intor ra toura ‘l ea Kristian Ghedina Broco, che i à betù par presidente; Cinzia Ghedina de Antonia, che r’é ra so vize; e ‘pò i doi fardiei Alberto e Paolo Ghedina de Tomasc.

Un el vive a Parsenon, chel outro a Vedelago, i é fora da ‘l paes, da anes anorum, epura proprio da lore doi vien duta ra idees, par chesta festa. Suzede de spes, che a mostrà pi amor par ra so tèra, par ra storia, ra tradizios, ra parlada, ‘l é propio ci che stà indalonse da ‘l so paes, e mangare el padisce mal de ciasa. In Anpezo e fora, aduna con lore, i laora alcuante outre Ghedina: Giorgio, Renato, Johann, Federica, Gabrio, Paolo. Inze ‘l comitato ‘l é inze Elsa Zardini Soriza, da presidente de ra Union de i Ladis de Anpezo, ‘na asociazion che r’à acaro de dià ‘na man, de stà pede, a dute chi che i à idees e laore, par precurà ra storia, ra tradizios de ‘l paes. Poche dis dapò, i s’à ciatà danoo, in Ciasa de Comun, daante a ‘l sacretario Agostino Battaglia, par bete so, negro su bianco, el statuto de el comitato.

Sacretario ‘l é Paolo Ghedina, chel che stà a Vedelago. Alberto ‘l à contà duta r’idea, de fei ‘sta gran festa, de un di intiero, o fosc depì, par recordà ra stema, chera co ra testa de un jal, che se vede in siro par el paes, daante a calche ciasa de i Ghedina, o depenta su par el Comun Vecio. Cemodo soutelo fora chel di, chel 20 de marzo de ‘l 1513? Da un depento de ‘l Otozento, che i à ciatà fora. Calchedun ‘l é parsuaso che see ‘l an iusto, calchedun de manco, ma chel che conta ‘l é ‘l amor de chesta zente, par el so paes, ra so tèra, ra so tradizios. Chera stema, de ra testa de jal, i r’à ciatada ingravierada su ‘na lasta de piera, su depente a fresco, su vece libre, su ra soies de familia: duto documente, par almanco zento e zincuanta ane indrio.

El prin documento de ra familia Ghedina in Anpezo ‘l é ‘na carta bergamina, ciatada fora da Renato Basilio e betuda su ‘l so libro, che ‘l à fato sa anes, su ‘l so casal. A Parsenon, ‘l avocato Johan Ghedina ‘l à un depento de el Setezento, agnó che ‘l é inze chesta stema, co ‘na scrita par latin; intrà de lore, in familia, i s’à senpre pasà ra vosc, da pare in fiol, che chera stema i r’à ciapada par merite melitare. Un outro gnon de i Ghedina ‘l é chel de Bepe Basilio, maestro de ra fotografia, de ra cartolines: par anes anorum, ra so azienda r’à stanpà milioi de cartolines, pi che see de ra crodes, de ra vales, de i paes de ra Dolomites, agnó che dute i lo conosce. Par ‘l an che vien, i é vegnude in chera de fei ra festa de ‘l sabeda, che ‘l é pi fazile, par dute, podé se moe: coscita i à curà fora i 23 de marzo 2013, el di pi pede a ‘l 20 de marzo.

Par parecià duto, i à betù aduna chesto comitato, che arà da lourà, i mesc che vien. Par intanto se pensa a ra mesa, a un siro inze porteà, su ra foses de i Ghedina, de i diverse rame de ra familia, che r’à un grun de soragnomes, alcuante sude fora de raza. I se ciatarà co ‘l capocomun, sarà un bon disnà, se vorarae fei ‘na mostra de arte e de fotografia, s’à chera de zì a vede i luoghe, agnó che ‘l é depente o outra operes d’arte, fate da calchedun de i Ghedina. Par bete zo polito, duto el programa, i se ciatarà de alcuante, almanco un par ogni ramo de chera pianta: Basilio, Broco, Crepo, de Antonia, de Iustina, Ponuco, Tadeo, Tomasc e dute chi outre. El laoro pi gran, i mesc che vien, sarà chel de ciatà fora dute i Ghedina, che ‘l é in ziro par r’Italia e par el mondo. Par chesto, Internet dia ‘na man. Fin ades in à ciatà, fora da Anpezo, in Trentin, inze ‘l Sudtirol, zo par el Veneto, a Milan, Firenze, Urbino, Bologna, Napoli, in America e in Cina. Sarae bel, i disc, se dute chiste, o trope de lore, i sise adora a vegnì in Anpezo, a se ciatà dute aduna, su ra tèra agnó che fonda ra so radijes.

 (Mdm)

 
 
 
Statuto

 

 

 STATUTO DEL COMITATO PROMOTORE
“Zinchezento ane Famiglia Ghedina 513-2013”
  
 
 
Art. 1. 
E’ costituito in forma di associazione, il Comitato Promotore denominato “Buon Compleanno Famiglia Ghedina”. Esso ha durata illimitata. Il Comitato ha propria sede a Cortina d’Ampezzo in Piazzetta San Francesco, n. 1 presso la sede dell’UNION DE I LADÌS DE ANPEZO (U.L.D’A).
 
Art. 2.
Il Comitato Promotore ha per scopo di studiare e promuovere la conoscenza di:
? Le origini, l’albero genealogico e lo stemma araldico della Famiglia Ghedina.
? La storia e la diffusione in Italia e nel mondo della Stirpe dei Ghedina, la vita, le imprese e le opere dei personaggi illustri della Famiglia Ghedina.
1. Promuovere ed organizzare un grande raduno di tutti i membri dalla Famiglia Ghedina, nel 2013, a Cortina d’Ampezzo, in occasione dei cinquecento anni dal probabile conferimento dello stemma alla Famiglia Ghedina.
2. Assumere ogni iniziativa utile volta al conseguimento degli scopi sociali.
 
Art. 3.
Il Comitato Promotore non ha scopi di lucro e non svolge attività commerciale, è indipendente, apolitico e aconfessionale. Esso agisce nella massima trasparenza. Il Comitato non ha un patrimonio proprio, ma può ricevere contributi ed elargizioni, per far fronte alle spese necessarie al conseguimento degli scopi statutari.
 
Art. 4
Il Comitato Promotore è presieduto e rappresentato da Kristian Ghedina. Esso prende le decisioni relative al conseguimento degli scopi sociali a maggioranza dei voti.
 In caso di parità prevale il voto del Presidente del Comitato. Il Comitato si riunisce almeno una volta all’anno, indicando di anno in anno, le priorità necessarie al raggiungimento degli scopi sociali.
 Tutti i membri del Comitato Promotore si impegnano, secondo le loro competenze e propensioni, a portare avanti in piena armonia le decisioni assunte dal Comitato.
 Il Vicepresidente Alberto Ghedina fa le veci del Presidente in caso di impossibilità del Presidente ad adempiere alle sue funzioni.
 Il Vicepresidente e Segretario Tesoriere, Cinzia Ghedina, ha la responsabilità della custodia dei fondi dell’associazione e tiene la contabilità tramite un libro cassa delle entrate ed uscite, che transitano attraverso il Comitato Promotore. Paolo Ghedina, Segretario verbalizzatore, verbalizza le riunioni del Comitato Promotore e tiene in ordine il libro dei verbali e il libro dei soci.
 
Art. 5
Le riunioni del Comitato Promotore sono pubbliche e ne viene data notizia attraverso gli organi di stampa.

  

I luoghi dei Ghedina

  Il Comun Vecio con lo stemma Ghedina sul lato nord

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 L'Hote Aquila e Ra ciasa de i pupe

     

 

 

 

 

 

 

Ra ciasa de i pupe (a sinistra) e l'Hotel Aquila (un tempo Aquila Nera) entrambi questi edifici appartenuti alla famiglia Ghedina, sono stati affrescati dai fratelli Giuseppe, Luigi e Angelo Ghedina.

 
 

Gli affreschi della Ciasa de i pupe su Corso Italia: Il commercio, la pittura e la scultura (le Muse dell'arte) con il ritratto di Raffaello Sanzio. Il progresso tecnico, la musica e la danza (la Musa Tersicore) con il ritratto di Tiziano Vecellio. Controverso è il ritratto sopra la porta principale, io propenderei per Leonardo da Vinci, Antonella Scrocco che raccolse i suoi studi sul pittore Giuseppe Ghedina,  in un bel volume illustrato edito dalla Cooperativa di Cortina, propende per Dürer, alcune guide turistiche riconoscono in quel volto le sembianze di Giuseppe Garibaldi.

In verità i fratelli  Ghedina erano garibaldini ed avevano il culto di Garibaldi, ma non avrebbero mai potuto effigiare l'eroe dei due mondi in un edificio pubblico perchè, quando la casa fu dipinta, intorno al 1870, l'impero Austroungarico non avrebbe mai permesso un tale crimine. Garibaldi era ancora il nemico storico dell'Austria-Ungheria perchè era il simbolo del Risorgimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel lato sud sono rappresentate scene di vita ampezzana che hanno come tema le età dell'uomo. Vanno lette da destra a sinistra.
La fanciullezza: bambini che slittano, l'adolescenza: i due fidanzati, si noti il bel brano dello sfondo con la Tofana  "enrosadira" cioè arrossata, ovvero dai colori rosati, fenomeno tipico delle Dolomiti al tramonto, la maturità: momento di vita in stua, la vecchiaia:  un vecchio dormiente con il bastone. Tra il terzo e il quarto riquadro c'è un riquadro bianco non affrescato.
Pare che il riquadro sia stato volutamente lasciato bianco per gestire le inevitabili critiche che i dipinti avrebbero potuto suscitare. Ra ciasa de i pupe, infatti,  è l'unica casa affrescata della vallata ed era una novità, è logico che qualcuno la ammirasse e qualche altro la criticasse. Il riquadro era a disposizione di chi criticava, che avrebbe potuto dimostrare con i fatti, cioè con un affresco, e non a parole, di essere più bravo dei fratelli Ghedina.
Una versione più dotta vuole che il riquadro bianco rappresenti il mistero della vita, che, in quanto tale, non si può rappresentare.